giovedì 12 dicembre 2019

NEWS – Secondo album per Bruno Romani Organic Crossover Group, tra i più riusciti progetti musicali del noto jazzista Bruno Romani


Ne dà l’annuncio l’etichetta The Cotton Club, con un comunicato stampa di cui riportiamo uno stralcio.
Torna Bruno Romani con il suo sax e il suo combo jazz “Bruno Romani Organic Crossover Group”, che aveva felicemente esordito nel 2017 con l’album “As Serious As My Life”. “Versilia After Dark” nasce con un organico ancora più ampio e idee qualitativamente notevoli, sempre alla riscoperta del jazz del passato e che questa volta ha trovato ispirazione negli anni ’70.


Lucca, 12 dicembre 2019 – Viene pubblicato oggi Versilia After Dark, secondo album del Bruno Romani Organic Crossover Group, progetto musicale del sassofonista Bruno Romani, ex voce e sax dei Detonazione, autore di numerosi capolavori discografici in ambito jazz. Dopo l’esordio nel 2017 con “As Serious As My Life”, album che riscopriva il jazz delle origini, questo Versilia After Dark si ispira agli anni ’70 e il brano “21th Century Schizoid Woman” ne è il manifesto. Nel nuovo album Bruno Romani si è avvalso della voce di Michela Lombardi, nota vocalist dal ricco curriculum, che ha anche messo la firma su due brani. Accanto a loro il fido Daniele Onori, tecnico del suono e chitarra. Sette brani dalla durata importante senza mai un cedimento nell'ispirazione, un gradevole ascolto per qualsiasi tipo di palato musicale.

Diversi musicisti, alcuni con cui collaboro da anni accanto ad altri che si sono affiancati a me solo recentemente, si sono prodigati per la buona riuscita di questo disco” ha dichiarato Bruno Romani, mente compositiva della band, “ed il risultato vi stupirà per la sua qualità tecnica ed ispirativa

Pubblicato da The Cotton Club, l’album “Versilia After Dark” sarà disponibile per l’acquisto a partire dal 12 dicembre 2019 nei migliori negozi di musica alternativa e sui più importanti WEB Stores nazionali ed internazionali (Ebay, cdandlp.com, discogs.com, Amazon, ecc…).

giovedì 5 dicembre 2019

NEWS – Primo album raccolta per Selfishadows dal titolo Looking For The Man


Ne dà l’annuncio l’etichetta Revenge Records, con un comunicato stampa di cui riportiamo uno stralcio.
Decide di fare il punto della situazione Selfishadows, alias Daniele Giustra, allo scadere del ventesimo anno di attività e dopo tre acclamati album. Looking For The Man allinea in modo rigorosamente temporale alcuni brani già conosciuti al pubblico del gruppo più alcuni inediti. Pubblicato in formato digitale, la raccolta sarà disponibile all'ascolto su tutte le principali piattaforme musicali.


Roseto Degli Abruzzi, 05/12/2019 – Viene pubblicato oggi Looking For The Man, il nuovo album di Selfishadows, progetto musicale dietro al quale si cela il polistrumentista Daniele Giustra, considerato dalla critica come uno dei più interessanti progetti cold wave italiani degli ultimi anni. L’album raccoglie brani pubblicati tra il 2013 e il 2018 sui tre album del musicista, alcuni dei quali oramai irreperibili sul mercato, più due inediti, per un totale di 15 tracce. Un album ricco e variegato, che accontenterà tutti gli appassionati del genere.

Sono contento che Selfishadows abbia deciso di firmare per la nostra etichetta” ha dichiarato Maurizio Volpes della Revenge Records, “stiamo già lavorando ad un nuovo album  di inediti che dovrebbe uscire entro il prossimo anno”.

Pubblicato da Revenge Records, l’album digitale Looking For The Man di Selfishadows sarà disponibile dal 5 dicembre 2019 su tutte le principali piattaforme di musica digitale (Spotify, Apple Music, Deezer, YouTube, etc…).

martedì 22 ottobre 2019

NEWS – The Electric Pink Moon Project è il disco che riscopre in chiave elettrica la musica di Nick Drake


Ne dà l’annuncio l’etichetta Revenge Records, con un comunicato stampa di cui riportiamo uno stralcio.
Nasce dalla mente di Luciano Margorani dei La 1919 questo The Electric Pink Moon Project, progetto che vede coinvolti musicisti italiani e americani nella rilettura dell’album Pink Moon di Nick Drake. La veste dei brani è del tutto nuova in quanto l’acustica delle versioni originali è stata sostituita da un sound tipicamente rock.

Milano, 21 ottobre 2019 – La Revenge Records pubblica l’album “The Electric Pink Moon Project” del gruppo omonimo, che vede in organico Luciano Margorani e Federico Zenoni, rispettivamente chitarra e batteria dei La 1919, progetto musicale sperimentale italiano che ha calcato i palchi tra gli anni ’80 e i ’90. Insieme a loro la cantante Deborah Perry e il bassista Dave Willey, entrambi americani. Nel disco viene rielaborata in chiave elettrica l’intera scaletta dell’album Pink Moon di Nick Drake, indimenticabile e sfortunato musicista inglese, morto prematuramente nel 1974 e autore di una scarna discografia di morbide ballate folk acustiche, autentiche gemme della musica di tutti i tempi. Ne scaturisce un album dove i brani di Drake trovano una nuova vita, rinvigoriti dal suono rock del combo italo-americano, ma senza perdere la delicatezza delle composizioni originali.
Il disco è stato registrato in parte in Italia ed in parte negli U.S.A., mixato in ultimo dalla mano esperta di Christian Alati nel suo studio di Milano.

È un progetto che ci ha subito affascinato” ha dichiarato Carlo Furii della Fonoarte “e che siamo sicuri non deluderà chi ha amato la musica di Nick Drake”.

Pubblicato da Revenge Records e distribuito da Audioglobe, l’album “The Electric Pink Moon Project” sarà disponibile per l’acquisto a partire dal 21 ottobre 2019 nei migliori negozi di musica alternativa e sui più importanti WEB Stores nazionali ed internazionali (Ebay, cdandlp.com, discogs.com, Amazon, ecc…).

lunedì 10 dicembre 2018

NEWS – Bobby Gualtirolo dei Lino e i Mistoterital pubblica “Pezzi miei”, il suo primo album solista.

Ne dà l’annuncio l’etichetta The Cotton Club, con un comunicato stampa di cui riportiamo uno stralcio.
Lancia la sfida dell’album solista Bobby Gualtirolo, alias Bob Rodiatoce, chitarrista, cantante e autore dei Lino e i Mistoterital, celebre band di rock demenziale attiva negli anni ’80 e primi ‘90. Dallo stile più intimamente cantautoriale rispetto al suo vecchio gruppo, ma sempre condito di rock’n’roll, Bobby si fa accompagnare da musicisti di prima grandezza e sforna 11 brani nuovi di zecca per questo suo sorprendente esordio discografico.

Bolzano, 10/12/2018 – Viene pubblicato oggi “Pezzi miei”, primo album solista di Bobby Gualtirolo, alias Bob Rodiatoce, mente compositiva dei Lino e i Mistoterital, nota band anni ‘80 catalogata come rock demenziale, ma che si è contraddistinta per l’originalità e la profondità delle citazioni, l'ironia sottile e le pirotecniche esibizioni live.
Reduce dal successo di due ristampe del suo gruppo (le antologie “Fischi per nastri” e “Dischi per fiaschi”, che hanno riportato alla ribalta delle cronache musicali il nome Lino e i Mistoterital) Bobby Gualtirolo gioca la sua carta da solista in un disco che mette a nudo la sua personalità fuori dal gruppo che lo ha reso famoso. Nell’album “Pezzi miei” si tratteggiano le caratteristiche peculiari del chitarrista di Bolzano: meno diretto dei Lino, più intimamente cantautoriale, i brani rivelano il mondo suggestivo e composito di “Bobby”, libero adesso di esprimersi in totale autonomia. La scaletta si compone di 11 brani inediti nei quali il nostro è degnamente accompagnato da una nutrita schiera di musicisti, tra cui Maddy Ansaloni (basso), Francesco Carli (batteria), Lorenzo Scrinzi (chitarra), Renato Mattiuzzo (chitarra), Gigi Grata (trombone) e Fiorenzo Zeni (tromba).

È vero che le due acclamate ristampe dei Lino e i Mistoterital mi hanno dato lo stimolo di incidere questo disco” ha dichiarato Bobby “ma è anche vero che non ho mai lasciato il mio strumento e le undici canzoni dell’album non sono che una minima parte del repertorio custodito nel cassetto”.

Pubblicato dall’etichetta The Cotton Club e distribuito da Audioglobe, l’album “Pezzi miei” di Bobby Gualtirolo sarà disponibile per l’acquisto a partire dal 10 dicembre 2018 nei migliori negozi di musica alternativa e sui più importanti WEB Stores nazionali ed internazionali (Ebay.it, cdandlp.com, discogs.com, Amazon, ecc…). 

lunedì 5 novembre 2018

NEWS – Officine Schwartz: ristampato L’Opificio, secondo storico album del collettivo industrial/folk di Bergamo.

Ne danno l’annuncio le etichette Again Records e Luce Sia con un comunicato stampa di cui riportiamo uno stralcio.

Grandi ristampe per l’oramai affermata etichetta Again Records, questa volta in collaborazione con la label svizzera Luce Sia. Dopo aver riportato alla luce gruppi come Detonazione, Gronge, F:A.R. e Lino e i Mistoterital, eccola ancora alle prese con le Officine Schwartz di Osvaldo Arioldi, tra i più originali rappresentanti della scena industriale degli anni ’80 e ’90. Dopo la pubblicazione nel 2016 del primo album “Colonna sonora di Remanium Dentaurum Cr Co Mo”, la Again Rec. ci delizia mettendo su disco il loro secondo album “L’Opificio”, anche qui in un progetto che prevede bonus e rarità come da manuale.


Bergamo, 05/11/2018 – Viene pubblicata oggi la ristampa de “L’Opificio”, storico secondo album di Officine Schwartz, tra le più importanti ed innovative formazioni industriali del nostro Paese. Il disco esce a trenta anni dal loro esordio su vinile, avvenuto nel 1988 con l’album “Colonna sonora di Remanium Dentaurum Cr Co Mo”. La band viene ricordata per le performances dal vivo, che univano musica, teatro e cinema, per l'impegno politico e per la strumentazione “autocostruita”, recuperando, forgiando ed intonando metalli e residui del mondo del lavoro, come bidoni di petrolio, tubi, molle, catene, telai di bicicletta, attrezzi, eccetera.

L’album originale, rimasterizzato in digitale al MM Studio da Marcello Malatesta, è stato arricchito con l’aggiunta delle quattro tracce dell’EP “Carica!” e da altri inediti ripescati nell’ambito dello stesso periodo storico, per un totale di 18 brani. Graficamente l’opera recupera la copertina ed i preziosi disegni di Andrea Chiesi, che già dominavano la cover art del vinile originale.

Nell'autunno 1989 fummo contattati da un gruppo di Reggio Emilia che si occupava di grafica e di ideali espressivi: il Kom Fut Manifesto (comunisti futuristi manifesto). Ci chiesero di sonorizzare un progetto dell'artista modenese Andrea Chiesi: L'Opificio” ha raccontato Osvaldo Arioldi, mente creativa delle Officine Schwartz “Proposero di organizzare uno spettacolo con musiche e dipinti dal vivo e la produzione inerente su vinile, con largo spazio per i disegni di Andrea nella copertina pieghevole (delle dimensioni di 1 mq!). Noi accettammo e ci mettemmo subito al lavoro”.

Co-prodotto dalle etichette Again Records (Italia) e Luce Sia (Svizzera) e distribuito da Audioglobe, l’album in cd “L’Opificio” sarà disponibile per l’acquisto a partire dal 5 novembre 2018 nei migliori negozi di musica alternativa e sui più importanti WEB Stores nazionali ed internazionali (eBay, Amazon, cdandlp.com, discogs.com, ecc…).